Il commiato e la festa

Ieri è stata una giornata ricca di emozioni per la nostra Associazione. Festa e cordoglio si sono mischiate perchè la vita di una grande famiglia come la nostra è fatta di tutto questo, di sentimenti forti, rispetto e coinvolgimento.

In questo week end è stato programmato un momento di festa per l’inaugurazione del nuovo magazzino dell’associazione, frutto dell’impegno di moltissimi volontari, sponsor, amici e sostenitori. il progetto iniziato qualche mese fa è stato affidato a Giovita Crippa che ha guidato la “truppa” con instancabile dedizione tanto che in associazione è stato soprannominato ” il PalaGiò”. Il fiore del volontariato di cui noi tutti siamo i petali (così ha detto Giovita) ha inaugurato il nuovo deposito con una benedizione e il taglio del nastro tricolore.

Giovita Crippa durante l'inaugurazione

Un gruppo di giovani bandisti ha accompagnato la cerimonia di festa e hanno dedicato un brano solenne per accompagnare il dovuto momento di riflessione, un ricordo sentito e importante per la scomparsa di un caro amico e compagno di note: Carlo Proserpio, Basso Tuba.

Nome e strumento: questo potrebbe bastare, per chi lo ha conosciuto, per chiudere il cerchio intorno a Carlo Proserpio. Carlo, “ul Casóeula” per molti di noi, ha vissuto una vita intensa fatta di lavoro e famiglia: classe 1931 ha svolto come molti suoi coetanei molti mestieri ma all’età di 50 anni decide di iniziare a suonare uno strumento e quello strumento sarà il basso tuba. Studia molto “per recuperare” ed entra presto nella banda di Besana incoraggiato dai maestri che si sono susseguiti e che hanno sempre risconosciuto come un musicista di gran valore e serietà. Nel 2009 riceve il Diploma ad Honorem in Tuba dopo aver collezionato molta esperienza nella banda di Besana e nelle numerose formazioni che lo hanno ospitato come collaboratore. Compresa la Banda Giovanile della nostra scuola di musica dove ha potuto dimostrare ai molti giovanissimi che hanno suonato con lui cosa sia la passione e la dedizione.

Indimenticabili è la sua immagine in divisa con cravatta sempre ben annodata, cappello in testa e tuba in braccio, per primo ad ogni servizio, sempre in larghissimo anticipo: se c’era lui il posto del ritrvo era quello giusto. Indimenticabile il suo assolo nel brano C’est la Vie con cui veniva spesso salutato dal coro dei giovani bandisti.

Dopo la notizia pubblicata sulla pagina Facebook della banda (qui il link) sono stati moltissimi i messaggi di saluto e di cordoglio. Amici, non solo della banda di Besana e non solo musicisti, ne ricordano passione, integrità e genuinità, le poche parole, un po’ ingarbugliate forse ma sempre preziose, e il suo strumento.
A questo proposito riportiamo qui una poesia scritta dall’amico e musicante Franco Sironi qualche anno fa. Il racconto dell’acquisto del suo strumento che ha regalato a tutti un suono morbido e vellutato.

Ciao Carlo!

Ul Mìrafon 

“Ciao Franco, scúltum mí”.

La storia ‘sta volta le cumincia inscí.

Carlo Proserpio, ul Casóeula per la gènt,

el vóeur crumpà de marca un nöf strumènt.

Strumènt a fiáa de banda müsic.l

che ‘l pesa pressapóch mèzz quintàl,

che ’l se porta cun la zènta inturn al còll:

ghe dìsen trumbón ma l’è ul bàss in si bemòll.

Maèster, prufesúr e cummisión,

indàgin de mercà, pó spedizión

su tutt ul territori naziunàl

per cuntentà un cliènt un po’ speciàl.

Intànt l’interesà, doo volt a l’an,

el va a sentí i cuncèrt fin a Milàn,

el càta fóeura, el dís, per preparàss,

prugràm impegnatìf cun dènt ul bàss.

E là, in cènter a la sala, senza distràs,

dü òeucc dedrée di ugiàa fìssen ul bàss:

ogni nota, i respìr, ogni mìnim muvimènt

ghe rèsten stampà a fóeuch in de la mènt.

Un dí la cummisión l’ha fissà l’apuntamènt

cun(t) un fiur de prufesúr che se ne intènd

e che ‘l tratta ‘sti strüm.nt, però luntàn,

in un bóeucc d’una butéga de Lugàn.

Sul pulmín verd ulìva sérum in vòtt

a pasà ul cunfìn per cercà ‘stu svizeròtt

che ‘l parlava in meneghín e cun pascènza,

ma purtròpp de bàss a tuba l’era sènza.

Fóeura ul tèmp el minacciàva tempuràl,

dènt ul Carlo senza ul bàss el stava mal,

e ‘l Carrèta, butegàtt de ‘stu Cantón,

el prumètt de rimediàm un’uccasión.

Dopo nanca un mes e mèzz, da che ‘l dí là,

sènti Carlo: “Ul bàss el gh’è ma l’è argentà”.

El ciàma tutt i amìs, pó anca i donn:

“Ghe vör decìd a svèlt, l’è un Mìrafon”.

Pàssen dí d’agitaziòn, l’è un quarantòtt,

ul telefon del Proserpio el va dí e nott;

pó una sìra se decìd e menu mal,

de nà a vedèl istèss, almèn pruvàl.

Finalmènt ul cuntràtt l’è pó riusì:

i prim nòcc ul nost amìs l’ha nò durmì,

el se alzàva de scundón ‘mè un gatt suriàn,

per vardà ul sò strüm.nt in sul divàn.

Tutt d’argènt, gnà un giból, l’è un strüm.nt

a tri tast, canégg largh, e a buffà dènt

l’è morbid, cun vus tunda, d’un bèl culùr;

a sunàl el gunfia ul cóeur, l’è un amùr.

Se ve par esagerà ‘stu paragón,

pruvì a vardà ‘stu òm e ‘l sò trumbón:

v’un el buffa, l’àlter el suna, duu amìs,

un spettàcul de vedè, argènt e grìs.

La vita l’è un insèma de emuzión

che düren un mumènt, ‘na búla de saón,

l’impurtànt l’è desmètt nò de innamuràs

del ciel, di stèll, di fiùr … opúr d’un bàss.

Franco Sironi

Giugno 1983 All’amico Carlo Proserpio

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *